viaBorgogna3

La Casa della Cultura, “associazione senza fine di lucro” fondata nel 1946, è considerata un’istituzione culturale di riferimento nella vita milanese. Probabilmente sono stati la durata nel tempo e un prestigio mai venuto meno, a determinare questa percezione diffusa. Negli anni si è sempre più allargato il campo della sua iniziativa. È  nata una “Scuola di cultura politica”, ormai al nono anno. Sono entrati nella programmazione o hanno preso rinnovato vigore campi di attività come letteratura, poesia, “musicacinemateatro”, economia e scienze. Ultima nata, proprio In occasione del “Settantesimo” della fondazione della Casa della Cultura, è “viaBorgogna3“, una rivista pensata e progettata per la Rete, finalizzata a depositare e fare durare nel tempo il dibattito, la ricerca e l’elaborazione della Casa della Cultura

La Casa della Cultura, “associazione senza fine di lucro" fondata nel 1946, è considerata un’istituzione culturale di riferimento nella vita milanese. Probabilmente sono stati la durata nel tempo e un prestigio mai venuto meno, a determinare questa percezione diffusa. Negli anni si è sempre più allargato il campo della sua iniziativa. È  nata una “Scuola di cultura politica", ormai al nono anno. Sono entrati nella programmazione o hanno preso rinnovato vigore campi di attività come letteratura, poesia, “musicacinemateatro", economia e scienze. Ultima nata, proprio In occasione del “Settantesimo" della fondazione della Casa della Cultura, è “viaBorgogna3“, una rivista pensata e progettata per la Rete, finalizzata a depositare e fare durare nel tempo il dibattito, la ricerca e l’elaborazione della Casa della Cultura. Elio Vittorini, uno dei fondatori dell’Associazione, definiva la Casa della Cultura il luogo della “cultura parlata". Con “viaBorgogna3" è cominciato il percorso per trasportare quella cultura anche nel testo scritto. In Casa della Cultura converge un’ampia e articolata rete di studiosi che mostrano disagio dinanzi all’ultra specialismo che soffoca la vita accademica, si smarcano dal chiacchericcio mediatico e dalla rigidità e povertà del mainstream culturale, ricercano e praticano l’interdisciplinarietà, tracciano percorsi nuovi. Sono loro ad animare nella sala dibattiti di via Borgogna centinaia di incontri ogni anno: attraverso la rivista il loro messaggio e la loro elaborazione potranno circolare anche al di fuori delle mura della nostra sede e oltre il momento dell’incontro pubblico. Ecco il senso e le ragioni della scelta di “viaBorgogna3“: consolidare e mettere a disposizione di tutti gli umori, le voci, i pensieri che affollano e si incrociano all’angolo di Piazza San Babila.

Periodico bimestrale
registrazione n. 323 del 27/11/2015
Tribunale di Milano
ISSN 2499-5339
Edizioni Casa della Cultura, Milano

Direttore Ferruccio Capelli
Condirettore e Direttore responsabile Annamaria Abbate

Comitato editoriale: Duccio Demetrio, Enrico Finzi, Carmen Leccardi, Marisa Fiumanò, Paolo Giovannetti, Renzo Riboldazzi, Mario Ricciardi, Mario Sanchini, Salvatore Veca, Silvia Vegetti Finzi

direzione e redazione
via Borgogna 3, 20122 Milano
tel.02.795567 / fax 02.76008247

Periodicità

Bimestrale

Direttore

Ferruccio Capelli

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni per questa rivista.

Pubblica la tua recensione per “viaBorgogna3”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *